Arpa

Concerto di Alessandra Ziveri

Arpa

Riprendono gli eventi culturali collaterali che accompagnano e completano la mostra in corso dedicata all’artista americano Lawrence Carroll I Have Longed to Move Away (che rimarrà aperta fino al 15 ottobre), con un concerto insolito e coraggioso della giovane arpista parmense Alessandra Ziveri.

Un intrigante programma concertistico nella bella cornice del Parco del Museo: tra le piante, gli agrumi e i fiori, sul calar della sera, la musicista proporrà un audace concerto in solo con musiche di Alfredo Casella e Luigi Perrachio.

Sarà nuovamente il Parco, luogo che ha ospitato durante il corso dell’estate diversi   appuntamenti e atelier, la cornice ideale per questa serata musicale al termine della quale ritornerà L’asina astemia, appuntamento con una degustazione di vini e di prodotti tipici della regione curato dalla Cantina Cavallini di Cabbio.

Programma

Alfredo Casella (1883-1947): Berceuse Triste
Luigi Perrachio (1883-1966): Passemezzo (estratto dai Tre Pezzi per arpa)
Alfredo Casella (1883-1947): Sarabanda (estratta dalla Sonata per Arpa)
Luigi Perrachio (1883-1966): Sonata Popolaresca Italiana


Entrata

Entrata: CHF 20 .- / ridotti CHF 15 .- (AVS/AI, studenti)           
In collaborazione con Cantina Cavallini, Cabbio


Informazioni extra

In caso di pioggia il concerto si terrà nell’emiciclo del Museo.


Spinta dalla sua forte passione per il periodo storico musicale del Novecento, l’arpista proporrà al Museo musiche originali per arpa composte da questi due considerevoli autori, entrambi nati a Torino nel 1883.
Dotati di personalità caratterialmente antitetiche ma artisticamente affini, furono importanti protagonisti del processo di rinnovamento e di apertura del panorama musicale novecentesco italiano, processo che caratterizzò la cosiddetta “generazione dell’Ottanta” e che fu descritto da Casella nei termini seguenti: La creazione di uno stile moderno nostro è stato il problema assillante della mia generazione. Quando questa generazione cominciò a pensare, l’unica musica tipicamente italiana era quella operistica ottocentesca e verista piccolo-borghese. Urgeva dunque scuotere a tutti i costi questa idea angusta e antistorica e ricondurre i musicisti prima e le masse più tardi a pensare che ben altre, più profonde, più varie erano le fondamenta della nostra musica.
Da questa sua ricerca e proposta concertistica Alessandra Ziveri, ha anche realizzato un progetto discografico (Alfredo Casella/Luigi Perrachio. Musica per arpa, Tactus Italian Label, 2016), che ha ottenuto ottima accoglienza da parte della stampa specialistica.

Nata a Parma, Alessandra Ziveri si è diplomata presso il Conservatorio di Musica G. Nicolini di Piacenza ottenendo lo stesso anno il Diploma di Merito come miglior arpista e il Diploma di Merito come miglior allieva del corso di Storia ed Estetica Musicale.
Successivamente ha conseguito con il massimo dei voti presso il Conservatorio di Parma sia la Laurea di Secondo Livello di Arpa che di Musica da Camera. Ha partecipato a numerosi Concorsi di Interpretazione Musicale Nazionali ed Internazionali riportando sempre ottimi risultati e Primi Premi Assoluti.

Ha inciso con il Duo di Arpe Alchimia il CD Parafrasi Verdiane (Ed. Tactus, Bologna, 2013), il CD Grovigli con musiche di F.Petrini, M.Tournier, G.Gershwin, B.Andres ed altri autori sempre in duo di arpe; nel 2007 il CD intitolato Tra cieli d’Irlanda e Nuvole di Scozia interamente incentrato sul repertorio celtico, irlandese e scozzese in duo arpa e flauto. La sua attività si concentra su concerti solistici sia con arpa classica che celtica, in diverse formazioni cameristiche ed orchestrali è inoltre insegnante di arpa e discipline musicali in diverse scuole di Reggio Emilia e provincia. E’ Direttore Artistico della Rassegna “Notti di Note” Sacerno (BO). Ha preso parte nelle giurie del “Quinto Concorso Internazionale d’Arpa” svoltosi a Saluzzo, alla nonaedizione del concorso “E Lucevan le Stelle” organizzato da Parma Lirica e al “Concorso Nazionale Musicale Città di Guastalla”. 


Promotori

Museo Vincenzo Vela
Largo Vela
6853 Ligornetto
Tel. +41 (0)58 481 30 44
www.museo-vela.ch