Photo gregory batardon d1a2103

Extra-vaganti

Ruth Childs: ri-creazioni delle coreografie di Lucinda Childs

Dopo il debutto al Festival de la Bâtie di Ginevra, vengono presentae, in anteprima ticinese, alcune “ri-creazioni” di coreografie degli anni ’70 della nota coreografa Lucinda Childs, una delle protagoniste della danza contemporanea, insignita quest’anno dalla Biennale danza di Venezia del Leone d’oro alla carriera, ora riproposte dalla nipote Ruth Childs.

Questo importante appuntamento del programma collaterale che accompagna l’attività espositiva, in particolare la mostra in corso dedicata all’artista americano Lawrence Carroll, I Have Longed to Move Away,  offre da un lato l’occasione di conoscere l’opera di Lucinda Childs, ma è anche un momento per  mettere a confronto alcune delle esperienze artistiche che hanno attraversato gli Stati Uniti (e non solo) dalla metà degli anni ‘70 all’inizio degli anni ‘80. Periodo in cui Lawrence Carroll nel suo lungo vagabondare, e precisamente nel 1984, si trasferisce a New York.


Entrata

Entrata: 20 .- CHF, ridotti 15.- CH (Studenti, apprendisti AVS/AI)


Informazioni extra

Al termine delle performance segue un incontro con Ruth Childs.


Lucinda Childs debutta come coreografa nel 1963, partecipando molto attivamente alla e fondazione e alla ricerca, spesso molto sperimentali, della Judson Dance Theater di New York. Nel 1973 crea l’omonima compagnia di danza ed collabora con Robert Wilson e Philip Glass alla spettacolo Einstein on the Beach (1976), per la quale riceve l’Obie Award per l’interpretazione principale e la coreografia. Dal 1984 al 1992 appare in cinque delle principali produzioni di Robert Wilson. Dal 1979 collabora con numerosi compositori e artisti visivi, realizzando tra gli altri il suo capolavoro Dance (1979), con musiche di Philip Glass e scenografie di Sol LeWitt, definito dal Wall Street Journal come «una delle più grandi creazioni del 20° secolo». Ha inoltre coreografato e diretto molte opere, come Orfeo e Euridice di Gluck per l’Opéra di Los Angeles, Mozart’s Zaide per La Monnaie di Bruxelles, L’usignolo di Stravinskij, Dr Atomic di John Adams per l’Opéra du Rhin. Recentemente ha diretto e messo in scena l’opera Alessandro di Georg Frederic Handel con Max Emanuel Cenčić. Dal 1979 è artista associata al Guggenheim Museum.

Ruth Childs, nata a Londra nel 1984, inizia a studiare danza a 6 anni. Nel 2003 si trasferisce a Ginevra per continuare la sua formazione presso il Ballet Junior de Genève ed in seguito collaborando con diverse compagnie e coreografi tra cui Jean-Marc Heim, Foofwa d'Imobilité, Jozsef Trefeli, Massimo Furlan, Gilles Jobin e La Ribot. Nel 2014 inizia a sviluppare una ricerca personale che unisce performance, film e musica e fonda la sua compagnia SCARLETT'S e il progetto musicale SCARLETT'S FALL con Stéphane Vecchione, musicista, compositore e performer del gruppo Velma (scarlettsfall.com). Attualmente Ruth Childs e Stéphane Vecchione lavorano alla loro prima opera scenica che verrà presentata nella primavera 2018 alla ADC di Ginevra. Parallelamente allo sviluppo dei suoi progetti, Ruth Childs collabora con sua zia Lucinda Childs alla” ri-creazione” e alla trasmissione delle sue prime pièce. La prima parte di questo progetto (sugli anni ’60) è stata presentata nel febbraio 2016 all'ADC à Ginevra, la seconda (sugli anni ’70) il 2 settembre 2017 nel corso de La Bâtie Festival.

     Immagine: © Gregory Batardon


Promotori

Museo Vincenzo Vela
Largo Vela
6853 Ligornetto
Tel. +41 (0)58 481 30 44
www.museo-vela.ch