I

Echo 07 tonatiuh ambrosetti casadarte miler 819x1024

La quinta stagione

B10 decima Biennale dell'immagine

Il progetto nasce nel 2012 a Ginevra, quando il commissario d’esposizione Marco Costantini decise d’invitare 8 fotografi, di orizzonti completamente diversi, a lavorare attorno alla produzione letteraria della scrittrice americana Emily Dickinson. Ne nacque un’esposizione nel gennaio 2014 al Bâtiment d’art Contemporain de Genève dal titolo A House for E.D, un insieme di lavori fotografici originali realizzati in risonanza con il lavoro letterario.
Il lavoro di Tonatiuh Ambrosetti si è concentrato sul periodo della vita in cui la poetessa decise di non lasciare più la sua camera e quindi di vivere reclusa nella sua dimora. Ai rari visitatori sarà possibile comunicare con lei solamente attraverso la porta socchiusa e la sua produzione letteraria sarà quindi basata sui ricordi e le fantasie del mondo esterno. Nello stesso modo, il lavoro di Tonatiuh Ambrosetti costruisce una relazione diretta, grazie a doppie esposizioni su negativi di grande formato, tra il passeggio vissuto o immaginato e composizioni di forme libere.
Potremmo definire oggi una forma di realtà aumentata dove, insieme alla percezione dello spazio che ci circonda, una risposta emozionale prende una forma visibile e percettibile.
Lo spazio si relaziona direttamente con l’emozione generando un’immagine ambivalente, alla frontiera dell’astrazione e della figurazione.

Oggi per la prima volta viene presentato il secondo capitolo di questo lavoro. La quinta stagione non è semplicemente un seguito ma un’evoluzione del progetto dove le fotografie giungono al limite: alla perdita completa dell’elemento figurativo.
 

Oliver Scharpf dialoga con Piersandro Pallavicini nell'ottica della Cartoleria Buccellati.


Promotori

ABI Associazione Biennale dell'Immagine
Via Borromini 2
6830 Chiasso
biennaleimmagine.ch
info@biennaleimmagine.ch