dom 07.10.18

10:00 - 13:30
Immagine

dom 07.10.18

10:00 - 13:30

I Diari della Sacher

Una mattinata la Cinema Lux con quattro cortometraggi della Sacher e legati ad altrettanti diari personali custoditi nell’Archivio del diario di Pieve santo Stefano e il lavoro di Cristina Nuñez che le é valso il Premio Celeste.

L’acqua in mezzo (27’)
Diari 1973-1986 – L’attività politica nella FGCI, l’ammirazione per Fidel Castro, le storie d’amore, il servizio militare, il matrimonio e il suo fallimento: 24 quaderni attraverso i quali un giovane ebreo milanese racconta “dieci anni pieni e drammatici” e spiega la scelta di vivere in un kibbutz israeliano.

I quaderni di Luisa (27’)
Diari 1970-1985 – Luisa T. a 35 anni comincia a affidare al suo diario il racconto della sua vita. Sposa a 18 anni, madre di due figli, si occupa della casa e dei lavori in campagna. E’ sempre più sola e disperata. Le sue giornate sono noiose e ripetitive, con un marito-padrone che non ama e che non la ama. ma nel tempo riesce a confidare anche le sue prime ribellioni e il suo dolore che, altrimenti resterebbe inascoltato.

In nome del popolo italiano (29’)
Claudio Foschini nasce nel luglio del 1949. Dei suoi 67 anni 27 li ha trascorsi in carcere: “ragazzo di vita”, nato in una baracca, cresciuto nella periferia romana, è approdato alla criminalità con naturalezza, quasi per gioco. Ha vissuto sulla sua pelle l’esplosione di un mondo che non esiste più, la diffusione massiccia dell’eroina, fino all’epilogodella sua morte, ucciso da una guardia giurata.

Zappaterra (25’)
Margherita Ianelli ha vissuto gran parte della sua vita a Marzabotto, lavorando la terra nella campagna emiliana. Da bambina ha potuto frequentare la scuola per un paio d’anni A cinquantanni decide di tornare a scuola e completare la sua istruzione por poter raccontare nelle pagine di un libro i suoi ricordi.

Cristina Nuñez – Someone To Love (24’)
Someone To Love (Premio Celeste 2012) riunisce per la prima volta i migliori autoritratti realizzati dall’artista spagnola durante la sua vita. La voce dell’autrice accompagna lo spettatore attraverso la storia della sua famiglia e l’infanzia, la sua adolescenza tormentata come eroinomane e l’evoluzione dell’immagine di sé, delle sue relazioni e della scoperta dell’autoritratto come strumento di autoterapia.
L’ultima sequenza mostra il progetto sulla vita di sua madre, inclusi autoritratti collaborativi e foto di famiglia, fino al suo ultimo respiro.


Entrata

Ingresso CHF 15.- compreso brunch dolce


– L’acqua in mezzo regia Daria Menozzi dal diario di Dan Rabà
– I quaderni di Luisa diretto da Isabella Sandri dal diario di Luisa T
– In nome del popolo italiano regia Valia Santella fotografia e riprese Roberto Cimatti montaggio Clelio Benvenuto suono Remo Ugolinelli dal diario di Claudio Foschini
– Zappaterra diretto da Elisabetta Pandimiglio, César Meneghetti dal diario di Margherita Ianelli
– Someone to love di Cristina Nuñez


Promotori

FIT Festival Internazionale del Teatro e della scena contemporanea
6900 Lugano
Tel. +41 (0)91 225 67 61
www.fitfestival.ch
info@fitfestival.ch