sab 13.10.18

11:15

sab 13.10.18

14:15

sab 13.10.18

14:45

sab 13.10.18

17:15

sab 13.10.18

20:30
Diritti umani

sab 13.10.18

11:15

sab 13.10.18

14:15

sab 13.10.18

14:45

sab 13.10.18

17:15

sab 13.10.18

20:30

Film Festival dei Diritti Umani 2018

Giorno 5 - 5a Edizione

La quinta edizione del Film Festival Diritti Umani Lugano si propone al pubblico del Cantone con un’offerta cinematografica più ampia con un occhio al territorio e uno all’internazionalità: 33 film, di cui 16 sono le prime svizzere e 6 i film svizzeri fra produzioni e coproduzioni. Un focus primario: il 70° anniversario della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani.

11.15 - Prima svizzera: We the Animals
Jeremiah Zagar | USA | 2018 | 94 min | inglese | sottotitoli ital.

Tratto da un libriccino di Justin Torres che nasce da un'esperienza di vita vera, il film dello statunitense Jeremiah Zagar ha come protagonisti tre fratelli portoricani Manny, Joel e Jonah, che vivono in una zona arretrata degli Stati Uniti chiamta Utica. Jonah, rispetto ai suoi fratelli, crescendo incomincia un suo percorso personale che si distacca dall'ideale maschile incarnato dal padre e insegue la definizione di una sua sensibilità, aprendosi a ciò che sente. Un cammino che si preannuncia più impervio - e più appartato - ma sicuramente più libero.

Segue approfondimento: La fragile costruzione dell'identità
Intervengono: Alain Navarra, sociologo, Michele Di Paolo, testimonianza, Modera: Andrea Ostinelli, giornalista

Dalle 9.30 colazione offerta

14.15 - Prima svizzera: A Mother Brings her Son to be Shot
Sinéad O'Shea | Irlanda, UK | 2018 | 83 min | inglese | sottotitoli ital.+ eng.

Una sera Majella O'Donnell conduce suo figlio adolescente Philly a farsi sparare a sua insaputa ad entrambe le gambe. Come può una madre far sparare al proprio figlio? Quali sono le conseguenze? Come continua la vita famigliare? Come risponde la comunità? Quando finiranno davvero le guerre? Per cinque anni Sinéad O'Shea ha ripreso questo ritratto sconvolgente di una società post conflitto.

Film senza dibattito

14.45: A Woman Captured
Bernadett Tuza-Ritter | Ungheria, Germania | 2017 | 89 min | ungherese | sottotitoli ita.

La storia di Marish, una cinquantaduenne ungherese che da un decennio è al servizio di una famiglia per cui lavora venti ore al giorno senza essere pagata. Il suo passaporto le è stato confiscato e non le è nemmeno concesso lasciare l’abitazione senza permesso. Il film segue l’eroico tragitto di Marish verso la sua libertà.

Segue approfondimento: Schiavismo e vulnerabilità
Intervengono: Davina Fitas, sindacalista, presidente Commissione cantonale pari opportunità Natasha Fioretti, giornalista
Testimonianza di una donna che da cinque anni lavora come badante in Ticino

17.15: En Guerre
Stéphane Brizé | Francia | 2018 | 115 min | francese | sottotitoli ita.

La direzione della fabbrica Perrin Industrie decide di chiudere completamente l’azienda nonostante il profitto da record e i sacrifici finanziari dei suoi dipendenti. Di fronte alla violazione dell’accordo e alle promesse infrante, i 1’100 dipendenti, guidati dal loro portavoce, Laurent Amédéo, rifiutano questa decisione brutale e faranno di tutto per salvare il proprio lavoro.

Segue approfondimento: Lavoro: tra diritti e libero mercato
Intervengono: Leonardo Schmid, sindacalista, Aboubakar Soumahoro, attivista sindacale e sociale, Modera: Aldo Sofia, giornalista

20.30: Welcome to Sodom
Christian Krönes, Florian Weigensamer | Austria | 2018 | 89 min | inglese sottotitoli ita.+ eng.

Agbogloshi, sobborgo della città di Accra, capitale del Ghana, è la più grande discarica di rifiuti elettronici al mondo nella quale vivono e lavorano circa 6’000 donne, uomini e bambini. La chiamano Sodoma.Le loro voci interiori, molto personali, permettono una visione profonda della vita e del lavoro che avviene in questo luogo. Possiamo essere certi che sarà proprio questa la destinazione finale degli smartphones e dei computer che stiamo per acquistare proprio oggi.

Segue approfondimento: I rifiuti del nostro benessere
Intervengono: Rémy Friedmann, Senior Advisor, Divisione sicurezza umana DFAE, John Baptiste Onama, economista, Modera: Bruno Giussani, presidentre FIFDH

Programma


Entrata

CHF 12.- singlolo prezzo intero
CHF 9.- singolo ridotto studenti e AVS

CHF 45.- x 5 proiezioni, prezzo intero
CHF 35.- x 5 proiezioni, ridotto studenti e AVS

CHF 150.- abbonamento festival, prezzo intero
CHF 90.- abbonamento festival, ridotto studenti e AVS


Promotori

Film Festival Diritti Umani Lugano
6900 Lugano
www.festivaldirittiumani.ch
info@festivaldirittiumani.ch