3137713863 e57804aacb b

Una rarità di Bellinzona

Il Grosso, preziosa acquisizione del Monetario cantonale

Nell’anno europeo del patrimonio culturale 2018 il Cantone Ticino ha acquistato una moneta, unica, coniata nella Zecca rinascimentale di Bellinzona: il Grosso, emesso a nome dei cantoni di Uri, Svitto e Untervaldo.

La Zecca di Bellinzona è stata attiva per poco più di un ventennio, dal 1503 al 1529, e ha battuto monete per i tre cantoni.
Le monete raccontano un pezzo di storia del borgo agli inizi del Cinquecento, periodo in cui Bellinzona era contesa dai Confederati, dagli Sforza duchi di Milano e addirittura dai Re di Francia. Nel Monetario di proprietà del Cantone Ticino si trova la collezione pubblica più importante, a livello svizzero e internazionale, di monete battute dalla Zecca di Bellinzona.

Conferenza con Claudio Zali, Simonetta Biaggio-Simona, Paolo Ostinelli e Andrea Casoli.

locandina


Alla conferenza interverranno:
Claudio Zali, direttore del Dipartimento del territorio;
Simonetta Biaggio-Simona, capo Ufficio dei beni culturali;
Paolo Ostinelli, direttore del Centro dialettologia e etnografia;
Andrea Casoli, archeologo e curatore della mostra.

Immagine: Flickr.com - Patrik M. Loeff


Promotori

Biblioteca cantonale Bellinzona
Viale S. Franscini 30a
6500 Bellinzona
Tel. +41 (0)91 814 15 00/14
www.sbt.ti.ch/bcb/home
bcb-segr.sbt@ti.ch