Utoya

Utoya

Il 22 luglio 2011 sull’isola di Utoya, in Norvegia, l’estremista di destra Anders Breivik sparò all’impazzata contro i partecipanti ad un campo estivo dei giovani del Partito Laburista. Fu una strage: Breivik uccise 69 ragazzi di età compresa fra i 14 e i 20 anni. Due ore prima a Oslo aveva ucciso altre 8 persone ferendone 209 con un’autobomba nei pressi del Governo norvegese. Al processo a suo carico Breivik affermò di aver agito per fermare «una decostruzione della cultura norvegese per via dell’immigrazione in massa dei musulmani».

Dice Edoardo Erba: «Dopo il 1989 il mondo è diventato un posto molto più complicato da interpretare e dopo il 2001 capire un evento è come entrare in un labirinto. Ciò che il teatro può fare dentro questo labirinto è trovare dei personaggi che lo percorrano e che ce lo restituiscano attraverso il filtro della loro personalità. Così abbiamo scelto di tornare là, in Norvegia, quel terribile 22 luglio 2011, a osservare tre coppie coinvolte in modo diverso in quello che stava accadendo».

 


Entrata

Biglietti


di Edoardo Erba
con Arianna Scommegna e Mattia Fabris
regia: Serena Sinigaglia
scene: Maria Spazzi
luci: Roberto Innocenti
produzione ATIR Teatro Ringhiera e Teatro Metastasio di Prato

Immagine: Flickr.com - Roberto Maldeno


Promotori

Teatro Sociale di Bellinzona
Piazza Governo 11
6500 Bellinzona
Tel. +41 (0)91 820 24 44
www.teatrosociale.ch
info@teatrosociale.ch