mar 22.01.19

20:30
Film

mar 22.01.19

20:30

Dazed and Confused (La vita è un sogno)

Il cinema di Richard Linklater

Regia di Richard Linklater

Commedia | USA | 1993 | 102'
versione originale inglese, sottotitoli italiano

Con Jason London, Joey Lauren Adams, Wiley Wiggins, Milla Jovovich, Christine Hinojosa, Michelle Burke, Shawn Andrews, Rory Cochrane, Adam Goldberg, Renée Zellweger, Ben Affleck, Matthew McConaughey, Parker Posey

Texas, 1976. È l’ultimo giorno di scuola prima dell’estate. Per alcuni, come Randall “Pink” Floyd e Don Dawson, significa l’ultimo atto prima del college; per i freshmen come Mitch, invece, conta solo l’incubo dei riti goliardici di “accettazione” a cui saranno sottoposti dai seniors. Il più sadico di questi, O’Bannion, è ossessionato da Mitch e lo punisce duramente. Per consolarlo, il popolare Pink e l’edonista Wooderson lo portano a spasso con loro, in una serata piena di feste, chiacchiere e ragazze. Intanto Pink, quarterback della squadra di football, deve decidere cosa fare del suo futuro: l’allenatore gli impone di firmare un giuramento contro le droghe e l’alcool pena l’esclusione dalla squadra. Pink prende tempo ma non riesce a decidersi.

Programma Linklater


Entrata

CHF 10.-
CHF 8.-
CHF 6.-


La scorsa primavera, nell’ambito del festival Strange Days dedicato agli anni Novanta, i Circoli del cinema di Bellinzona e di Locarno presentarono tra gli altri film in programma Before Sunrise – Prima dell’alba (1995) di Richard Linklater, primo tassello di quella che sarebbe poi diventata una trilogia che ha contribuito a far conoscere il regista texano, classe 1960, fuori dai confini degli States. Sempre durante Strange Days fu poi presentato alla Biblioteca cantonale di Locarno il libro di Francesca Monti Emanuele Sacchi Richard Linklater. La deriva del sogno americano, e fu proprio in quell’occasione che si concretizzò l’idea di una rassegna che facesse conoscere al pubblico ticinese l’opera di uno dei registi più significativi cresciuto alla fine del secolo scorso nella scena del cinema indipendente americano.

Lo spettatore non potrà fare a meno di percepire le profonde differenze fra un film e l’altro, e anche i loro esiti artistici altalenanti. Un po’ come nel caso di Robert Altman, non si potrà sempre parlare di capolavori: in alcuni casi, a seconda delle sensibilità e delle aspettative di ognuno, potrà essere il caso; in altri si potranno anche notare delle incompiutezze. Ma si dovrà comunque riconoscere a Linklater la volontà di una continua e non gratuita ricerca di nuove forme espressive e il suo inestinguibile impulso a non assoggettarsi ai canoni dominanti.


Promotori

LuganoCinema93
c/o Raffaella Macaluso
6945 Origlio
www.luganocinema93.ch
info@luganocinema93.ch