Immagine

Acapulco

Nilla Longobardi è una donna anziana. Nel centro di Bologna ha cresciuto una famiglia, in una casa, che ci immaginiamo grande, ospitale, aperta. Questa casa è tutto ciò che le resta, a parte i ricordi, ma i membri della sua famiglia decidono che è giunto il momento per lei di trasferirsi in una casa di riposo.

Da quando è ospite dell’istituto, non riceve molte visite: i suoi due figli non hanno molta voglia di andarla a trovare, ma uno dei due, si reca da lei periodicamente per cercare di farsi firmare la cessione della casa. Nilla non vuole assolutamente vendere la sua casa, non vuole firmare nessuna carta. È disposta a fingere di avere un ictus pur di essere lasciata in pace.

Il tempo è scandito dalle attività che si svolgono in una casa di cura.  C’è della solitudine e della nostalgia. Ma ci sono anche momenti ludici, a tratti nonsense, mentre fuori piove, nevica e poi spuntano i primi boccioli di rosa.  

Locandina


di e con Mele Ferrarini e Mila Vanzini
costumi Palma Panzarella
scena Giuseppe Audino
produzione Artisti a Progetto


Promotori

Circolo di Cultura del Medio Vedeggio
CP 52
6929 Gravesano
Tel. +41 (0)91 945 35 56
circolo.cultura@ticino.com