I

gio 17.10.19

18:30
Immagine

gio 17.10.19

18:30

Giovanni Orelli | Tutte le poesie

Le prestigiose edizioni Interlinea di Novara dedicano una antologia alle poesie di Giovanni Orelli: per parlarne saranno ospiti Pietro Gibellini ordinario di letteratura a Cà Foscari (Venezia) e collaboratore del Corriere del Ticino e Uberto Motta, ordinario di Letteratura all’Università di Friborgo: grazie alla loro lettura approfondità potremo addentrarci nel suo allegro e pungente espressionismo.


Giovanni Orelli (Bedretto, 30 ottobre 1928 - Lugano, 3 dicembre 2016) ha studiato a Zurigo e Milano, dove si è laureato con una tesi in filologia medioevale e umanistica. Fino all'età della pensione è stato professore del liceo cantonale di Lugano. Orelli inizia la sua carriera letteraria nel 1965 con il romanzo L'anno della valanga, per cui gli viene attribuito il Premio Veillon. La svariata opera letteraria e pubblicistica di Giovanni Orelli si lascia associare alla categoria, nel senso più ampio, della scrittura impegnata. Attingendo la materia da un erudito e vasto sapere che trova origini nella solida formazione umanistica acquisita in Svizzera e in Italia, Orelli racconta la complessità del mondo attuale in una notevole ricchezza linguistica e tematica. Nel corso della sua vita, la politica culturale regionale e nazionale hanno costituito importanti stimoli per il suo lavoro: come forse nessun altro degli scrittori della Svizzera italiana, Giovanni Orelli ha incarnato in una sola persona l'educatore, l'animatore culturale e l'uomo politico. A testimoniare la geniale interpretazione dei generi letterari più vari, tradizionali e meno, dalla satira al sonetto, vi sono i numerosi premi che hanno accompagnato il percorso artistico dello scrittore ticinese. Per la sua opera complessiva, nel 1997 è stato insignito del Premio Gottfried Keller e nel 2012 del Gran Premio Schiller.

Pietro Gibellini è professore ordinario di letteratura italiana all'università Ca' Foscari di Venezia. Dirige l'Edizione nazionale delle opere di Gabriele D'Annunzio, nonchè varie collane e riviste. Filologo e interprete di testi, ha studiato sopratutto la letteratura dal Sette al Novecento, pubblicando studi e commenti sulla linea lombarda da Parini a Gadda, Manzoni, Belli e la poesia in dialetto, D'Annunzio, i contemporanei. Segue da molti anni la letteratura svizzero - italiana e collabora al "Corriere del Ticino". 

Uberto Motta è professore ordinario di Letteratura italiana all'Università di Friborgo e da Luglio 2018 Vice-Preside della Facoltà di Lettere. Dopo il dottorato (1996) è stato post-doctoral fellow all'Università di Losanna (1996), di Leuven (1997) e ad Harvard (2000-2001). Tra il 2003 ed il 2011 è stato professore di Letteratura italiana all'Università Cattolica di Milano; è stato inoltre visitong professor all'Università Ortodossa S. Tichon di Mosca, all'Università di Novgorod (Russia), presso la Technische Universität di Dresda, all'Università Cattolica di Budapest e all'Università di Basilea. Co-direttore di riviste scientifiche è inoltre membro di comitato di numerose riviste di studi e letteratura. 


Promotori

Casa della Letteratura per la Svizzera italiana
Via Stefano Franscini 9
6900 Lugano
www.casadellaletteratura.ch