mar 28.01.20

20:30
Immagine

mar 28.01.20

20:30

La Scimmia

Rassegna MAT | LuganoInScena

Un essere per metà scimmia e per metà uomo appare sul palcoscenico. È un vero fenomeno: un animale che parla, canta e balla. Un buffone, un mostro comico. È nato dalle ferite dell’anima di Franz Kafka, nel 1919, mentre i nazionalismi facevano tremare le vene dell’Europa. Rivive oggi, dopo cent’anni, nella riscrittura di Giuliana Musso qui anche interprete, grazie a una maggiore consapevolezza politica ed esistenziale.

Si rivolge a un auditorio di illustri accademici, all’alta società del pensiero e della scienza e racconta la sua storia. Scimmia libera, unica sopravvissuta di una battuta di caccia, catturata, ingabbiata e torturata, non può fuggire e per sopravvivere alla violenza sceglie l’adattamento: imita gli umani che l’hanno catturato, impara ad agire e a ragionare come loro. La scimmia dunque deve dimenticare la vita nella foresta, rinunciare a sé stessa, ignorare la chimica del proprio corpo e così imparare. Imparare il nostro linguaggio. Impara a ignorare l’esperienza, a pensare senza sentire. La Scimmia è il racconto di una strategia di sopravvivenza che prevede la perdita di sé stessi e del proprio sentire nel corpo.

È la descrizione di un’iniziazione inevitabile alle solite vecchie regole del gioco del patriarcato, che impone la rinuncia all’intelligenza del corpo, al sapere dell’esperienza e dell’emozione. Si tratta di una rinuncia drammatica: senza quella voce interiore, integra e autentica, come si può esprimere l’intelligenza empatica così indispensabile alla sopravvivenza del vivente? La scimmia è il corpo che vive, sente e quindi pensa. È l’animale pienamente umano. La scimmia siamo noi.


Entrata

CHF 35.-
CHF 25.- Studenti, apprendisti
CHF 12.- Ragazzi fino a 14 anni


Informazioni extra

Prevendita online

Informazioni e prevendite:
Biglietteria LAC
+41 (0)58 866 42 22

Ma - Do: 10:00 – 18:00 (telefoni attivi dalle 12:00)
Lunedì chiuso
Nei giorni con spettacoli serali in programma la chiusura del centro culturale è prevista mezz’ora dopo la fine della rappresentazione


liberamente ispirato a "Una relazione per un’Accademia" di Franz Kafka
traduzione e consulenza drammaturgica di Monica Capuani
di e con Giuliana Musso
testo originale di Giuliana Musso
musiche originali Giovanna Pezzetta
produzione La Corte Ospitale
coproduzione Opera Estate Festival Veneto

Immagine: Adriano Ferrara - www.luganolac.ch


Promotori

LuganoInScena
Piazza Bernardino Luini 6
6900 Lugano
Tel. +41 (0)58 866 42 22
www.luganoinscena.ch
info@luganoinscena.ch