I

sab 26.10.19 - gio 14.11.19

Tutto il giorno
Immagine

sab 26.10.19 - gio 14.11.19

Tutto il giorno

Panopticon | Oppy De Bernardo

“Ispirato all’idea pirandelliana della scarpa come simbolo d’identità e metafora del cammino di una persona, il nuovo progetto di Oppy De Bernardo consiste in una scultura panottica realizzata in collaborazione con detenuti del carcere di Lugano e di Milano. Facendo riferimento sia al guardiano dai mille occhi della mitologia greca e al modello di carcere perfetto teorizzato da Jeremy Bentham, “Panopticon” diventa una testimonianza silenziosa su percorsi di vita emarginati dalla società in attesa di una riabilitazione senza pregiudizi.” (Michele Robecchi).


Oppy De Bernardo (Locarno 1970). Dopo gli iniziali studi in Restauro e Pittura all'Accademia di Como, si trasferisce a Brera per seguire i corsi d'Arte Contemporanea curati da Alberto Garutti.
In seguito frequenta la scuola di progettazione ed esecuzione di mosaico a Ravenna. Nel 2008 è tra gli artisti selezionati, per la XIV Edizione del Corso Superiore di Arti Visive della Fondazione Antonio Ratti di Como e vincitore nello stesso anno, del Premio Epson FAR (Fabbrica del Vapore, Milano). La ricerca dell'artista è incentrata sull'analisi dei processi comunicativi e sui limiti percettivi della realtà ordinaria, attraverso cortocircuiti relazionali generati - dallo stesso - con oggetti di uso comune e di fruizione collettiva.

Panopticon è un progetto promosso dalla Divisione eventi e congressi della Città di Lugano nell’ambito di Arte Urbana Lugano e Lugano Creativa. Si ringraziano inoltre le Strutture Carcerarie di Lugano e di Bollate (Milano) e i partner Radio Ticino e Idea Legno.

Immagine fornita dal promotore


Promotori

Dicastero Cultura, Sport ed Eventi - Divisione Eventi e Congressi
Via Trevano 55
6900 Lugano
Tel. +41 (0)58 866 48 00
www.luganoeventi.ch
eventi@lugano.ch