Lucas zaval%c3%ada

Territorio, 23.05.17

Orme Festival 2017: la vita è creatività, estro e fantasia

Presentato il programma dell’edizione 2017 del Festival di arte integrata Orme Festival. Nato nel 2012, dal 2015 è diventato partner della rete nazionale IntegrART - progetto sostenuto dal Percento culturale Migros – di cui fanno parte i festival Wildwuchs di Basilea, Out of the Box di Ginevra e BewegGrund di Berna, che si propone di includere la partecipazione di artisti con disabilità all’interno del circuito culturale svizzero.

Questa edizione sarà dedicata al tema dell’incontro e vuole nel contempo incentivare la produzione artistica della regione e permettere di avvicinare il pubblico alla realtà dell’andicap fisico, mentale, psichico o sensoriale. Emanuel Rosenberg, direttore artistico del festival, sottolinea come arte e cultura “non sottostanno a barriere architettoniche e mentali” come a volte troviamo nella società. Il teatro si manifesta quindi come uno spazio di libertà creativa aperto a tutti.

Promotori del festival sono l’Associazione Teatro Danzabile insieme a Inclusione Andicap Ticino (già FTIA).

La rassegna ospiterà tre produzioni della rete nazionale IntegrART, DisAbility on Stage, progetto svizzero; Michael Turinsky, teorico, coreografo e performer austriaco di fama internazionale e Unmute Danse Company, attualmente l’unica compagnia di danza inclusiva in Sudafrica. Dopo gli spettacoli è previsto un momento di incontro con gli artisti.

Previsti anche uno spettacolo per le scuole dell’Accademia Arte della diversità-Teatro Ribalta di Bolzano e un radiodramma-spettacolo per non vedenti dell’Associazione Fosca di Firenze. Domenica 4 giugno, dalle 14.00 alle 18.00 allo Studio Foce, il pomeriggio sarà dedicato al “diversamente cinema”. Erik Bernasconi, regista e sceneggiatore e Olmo Cerri, realizzatore di cortometraggi, documentari e prodotti audiovisivi, entrambi ticinesi, accompagneranno il pubblico per alcune ore dedicate alla filmografia che concerne la disabilità. Fra gli ospiti previsti Walter Sievi (co-autore con Antonio Vergamini della Compagnia Finzi Pasca), David Induni (videomaker) e Niccolò Castelli (regista e sceneggiatore).

Fra gli eventi collaterali una mostra tattile di sculture realizzata dai giovani artisti di Senso in Arte e un laboratorio di danza per tutti condotto da Giuseppe Comuniello, performer non vedente della compagnia di Virgilio Sieni, e da Mariateresa Diomendes, performer e operatrice teatrale del Magnifico Teatrino Errante di Bologna. Non mancherà un momento festivo con Discobalera Baldanza, una discoteca aperta a tutti.

Programma, prezzi e prenotazioni: www.ormefestival.ch