Large 1844423 1

Territorio, 27.06.17

LuganoMusica - Stagione 2017/2018

La nuova stagione di concerti del LAC di Lugano propone un cartellone variegato, che si estende per buona parte dell’anno da settembre a giugno, ed è articolato in numerosi cicli, così da divenire sempre più una costante nell’orizzonte culturale di Lugano, chiamata ad ospitare artisti, noti o emergenti, tutti di primissimo livello, secondo il disegno artistico del direttore Etienne Reymond

Il programma si aprirà il 16 settembre nel segno del coraggio e della novità: sarà infatti protagonista la musica contemporanea con una serie di composizioni di Francesco Hoch, fra cui spiccano una commissione di LuganoMusicaIl pendolo delle passioni per voce recitante sei voci e percussioni, ed un’altra prima assoluta, Dadarp. Il concerto – che sarà gratuito e si terrà nella Hall del LAC per garantire la massima libertà di accesso - vedrà in scena il Vox Altera Ensemble; si tratta del primo di tre appuntamenti dedicati ad autori viventi, che saranno presenti a Lugano, e che sostituiranno per la prossima stagione la figura dell’artista in residence. Oltre a Hoch, i compositori ospiti al LAC saranno il tedesco Jörg Widmann e l’italiano Fabio Vacchi.

La stagione in abbonamento, che inizierà il 18 settembre con Riccardo Chailly e la Filarmonica della Scala,  prevede importanti ritorni come Bernard Haitink, nell’ambito di un nuovo ciclo di concerti per Pasqua; due giganti del pianoforte come Murray Perahia (questa volta in récital solistico) e Radu Lupu, con un doppio appuntamento che lo vedrà protagonista di un récital e di un concerto con la Royal Philharmonic Orchestra. Ritorneranno inoltre Charles Dutoit, che concluderà il triennale Ciclo Stravinskij, Markus Poschner. Anche quest’anno vengono riproposti sei momenti pre-concerto intitolati Quello che avete sempre voluto sapere sulla musica ma non avete mai osato chiedere e gli incontri di approfondimento raccolti nel format LAC edu intitolati  Ascoltare due volte, Un quadro una musica. 

Prosegue il ciclo dei quartetti concentrati, come è ormai consuetudine, in un unico weekend di aprile, durante il quale sarà possibile ascoltare pagine della tradizione classico-romantica, da Haydn a Mendelssohn, accostate a capolavori del Novecento firmati da Debussy, Webern, Ligeti. Tutte nuove per il LAC le formazioni ospiti: il Quartetto Belcea, fondato dalla violinista rumena Corina Belcea e dal collega polacco Krzysztof Chorzelski; lo storico Prazák, considerato il miglior quartetto boemo in attività; e il più giovane Quartetto Van Kuijk, composto da quattro talentuosissimi ragazzi francesi.

Tra le nuove presenze, oltre a Riccardo Chailly, ci saranno David ZinmanMarris JansonsVladimir JurowskijPhilippe Jordan  e Andres Orozco-Estrada, che rappresentano diverse generazioni di sommi direttori d’orchestra, e ancora Leif Ove Andsnes, Maria João Pires e il salisburghese Hagen Quartett.
Tra i tanti solisti spiccano i violinisti David Garrett e Julian Rachlin; i pianisti Yefim Bronfman e Rudolf Buchbinder, i violoncellisti Gautier Capuçon e Truls Mørk.

Stellari le orchestre ospiti: dalla già citata Filarmonica della Scala, accompagnata dall’arco superbo di David Garrett, alla London Philharmonic Orchestra che, nell'anno del 75° anniversario dalla sua fondazione, guidata da Vladimir Jurovskij, offrirà con il solista Ray Chen un’occasione unica per ascoltare uno strumento leggendario, il violino Stradivari appartenuto al  virtuoso Joseph Joachim; dalla Symphonie-Orchester des Bayerischen Rundfunks di Mariss Janson con alla tastiera un pianista fra i più acclamati a livello internazionale, Yefim Bronfman, ai Wiener Symphoniker di Philippe Jordan con il solista Gauthier Capuçon al violoncello; dall’Orchestra della Radio di Francoforte, riportata alla ribalta dal suo eclettico maestro colombiano Andres Orozco-Estrada, per la prima volta a Lugano, alla compagine di casa, l’Orchestra della Svizzera italiana che, con il suo direttore stabile Markus Poschner, salirà sul palco il 9 novembre, insieme all’angelico soprano Maria Bengtsson, per poi tornare a fine maggio con il violoncellista Truls Mørk sotto la guida illustre di David Zinman.

Nell’ottica di una costante crescita ed evoluzione, con una particolare attenzione al pubblico internazionale, prende avvio la nuova rassegna Pasqua a Lugano, affidata all’ Orchestra Mozart, formata da solisti delle massime orchestre europee. Sotto la guida di un musicista dell’autorevolezza di Bernard Haitink, nelle due serate a Lugano, la Mozart proporrà alcuni capolavori del genio austriaco e le Sinfonie n. 8 e 9 di un altro importante autore legato alla città di Vienna, Franz Schubert.

La musica contemporanea rivestirà come sempre un ruolo di spicco nella programmazione di LuganoMusica. Una perla del cartellone sarà la prima esecuzione in territorio svizzero di una pagina di Olivier Messiaen, riscoperta di recente nell’archivio del compositore, del quale ricorrono i venticinque anni dalla scomparsa: si tratta di Fauvettes de l’Hérault, che aprirà un récital pianistico di Roger Muraro. 

Si riconfermano inoltre, con una nuova formula, gli appuntamenti in partnership con OggiMusica, che prevedono la rilettura in chiave contemporanea, in concomitanza con alcuni concerti, di pagine di grandi compositori. Da LateNightModern si passa da quest’anno a EarlyNightModern, con un’anticipazione oraria degli appuntamenti. Gli autori manipolati creativamente davanti agli occhi ed alle orecchie del pubblico saranno Šostakovič, Beethoven, Sibelius, Mahler, Stravinskij e Strauss.

All’elettronica, che ha segnato buona parte del cammino della musica contemporanea nel secondo Novecento, è dedicato il ciclo EAR - Electro Acoustic Room, con 6 date in cui si ripercorrono pietre miliari del XX secolo e tappe più recenti di un modus di fare musica che, senza che ce ne rendiamo conto, ci circonda tutti i giorni. EAR è un progetto di Spazio21 del Conservatorio della Svizzera italiana in coproduzione con LuganoMusica.

Maggiori informazioni: LuganoMusica

Prevendita biglietti singoli dal 22 agosto presso la biglietteria del LAC, online su LuganoMusica, presso tutti i punti vendita Ticketcorner (uffici postali, Manor, stazioni FFS) e online su Ticketcorner.