Schaaaaad

Divisione Eventi, 08.02.19

Surrealismo Svizzera. La mostra e gli eventi collaterali.

Dal 10 febbraio al 16 giugno 2019 il Museo d’arte della Svizzera italiana apre le porte alla mostra Surrealismo Svizzera.

Un titolo che ci fa un po’ riflettere, in primo luogo per lo strano accostamento linguistico, ma soprattutto poiché non è mai esistito un vero e proprio gruppo di surrealisti svizzeri.

Come ci spiegano il direttore Tobia Bezzola e la collaboratrice scientifica Francesca Benini, un surrealismo elvetico c’è stato, sì, ma secondo altre forme. Diversi artisti confederati si sono recati a Parigi negli anni ‘20-‘30, sono entrati in contatto con il movimento e poi sono rientrati in patria. Si sono aggregati in seguito ad altri artisti svizzeri, formando importanti gruppi progressisti (non esclusivamente di influenza surrealista) come Gruppe 33 e Allianz. Inoltre, il movimento surrealista del letterato André Breton non sarebbe forse mai nato se quest’ultimo non avesse ospitato sul suo divano Tristan Tsara, artista proveniente dall’esperienza dada zurighese.

L’esposizione si sviluppa principalmente su due filoni: uno più squisitamente astratto (il cosiddetto surrealismo assoluto) permeato da forme fluide e amorfe, che privilegiano l’influenza dell’inconscio, dove primeggiano GiacomettiBrignonivon MoosSeligmann, Oppenheim. Il secondo invece si potrebbe definire come “linea verista”, opere figurative precise e realistiche che sconvolgono lo spettatore più con il contenuto che con l’immagine, i cui principali interpreti sono Schaad e Viollier. Ad esse si aggiungono i lavori di due “precursori” di spicco come Hans Arp e Paul Klee.

La mostra si avvale della fondamentale collaborazione con l’Aargauer Kunsthaus di Aarau.

 

Moltissimi eventi fanno da corollario all’esposizione, di cui si fa un elenco sintetico qui di seguito:

10.02, 17.02, 24.02, 10.03, 17.03
Surrealismo Svizzera. La storia disegnata.
Atelier creativo, 6 - 10 anni

21.02
Pranziamo ad arte - Il Gruppo 33 e la stagione del Surrealismo svizzero
con Francesca Benini, Assistente curatrice MASI

23.02
L’immagine di un sogno
LAC Atelier, con Silvia Paradela

26.02
Surrealismo Svizzera
Peter Fisher in dialogo con Tobia Bezzola

28.03 
Pranziamo ad arte - Le donne surrealiste
con Stefania Fink, Storica dell’arte

30.03, 06.04, 04.05, 18.05
Arte e Yoga
Con Carolina Maria Nazar

Maggiori informazioni: www.luganolac.ch

 

Immagine: Werner Schaad, Metamorphose im Raum, 1930, olio su tela 
Museum zu Allerheiligen Schaffhausen, Deposito Kunstverein Schaffhausen, foto: Museum zu Allerheiligen Depositum Kunstverein Schaffhausen